Vai ai contenutiPassa alla ricerca

Come radersi i la testa a casa: consigli e routine per la cute

Come radersi i la testa a casa: consigli e routine per la cute

QUESTO ARTICOLO È STATO REDATTO DALLA DOTT.SSA ROLANDA WILKERSON E TRADOTTO PER VOI

Scienziata Esperta In Cosmesi

Desideri rasare i capelli a casa? I tagli a zero sono diventati popolari negli ultimi anni sia per gli uomini che per le donne di tutte le età. Sapevi che radersi la testa può presentare nuove sfide per la cura della cute?

Per molti anni l’arrivo della primavera ha visto un aumento nella tendenza delle teste completamente calve o dei tagli rasati.

Per molti, queste tipologie di look, erano un buon passepartout quando una passeggiatina dal barbiere non era un’opzione considerabile.

Anche se questo look è trendy e gradito agli occhi, può portare nuove problematiche che possono rendere le persone insicure su come fronteggiarle e le loro teste esposte.

In che senso esposti? Un cuoio capelluto che è normalmente coperto da capelli è principalmente protetto dal sole, specialmente se i capelli sono scuri. Ad ogni modo, quando ci radiamo o quando eliminiamo tutti i capelli dal cuoio capelluto, questo è esposto a maggiori traumi come può esserlo anche l’uscire per una semplice passeggiata.

Questa esposizione può lasciare sulla cute una sensazione di secchezza.

Inoltre, il semplice atto di radere la testa autonomamente può farci sentire la pelle secca e lasciarci dei graffi, il chè è piuttosto normale. E se la cute inizia a prudere quando i capelli iniziando a ricrescere, non bisogna preoccuparsi. È una sensazione comune.

Tutti questi cambiamenti derivanti dalla scelta di un nuovo look possono indurci nella ricerca di una soluzione in grado di risolvere prurito, secchezza e proteggere la cute.

ECCO ALCUNI CONSIGLI CHE POSSONO TORNARE UTILI:

  • scegli  prodotti che aiutino a idratare e lubrificare il cuoio capelluto prima e durante la rasatura;

  • se decidi di rimuovere completamente i capelli, utilizza un rasoio che fornisca una rasatura ravvicinata ma che allo stesso tempo non interrompa la naturale funzione di barriera della pelle. Quando questo accade, essa perde facilmente l’idratazione di cui necessita e risulta secca ed irritata;

  • Se hai I capelli lunghi, il primo step è tagliarli con delle forbici. Idrata/lubrifica il cuoio capelluto con l’acqua e un prodotto che aiuti a proteggerlo durante la rasatura. Senza questa protezione, la pelle è maggiormente esposta a irritazioni e tagli.

  • Assicurati di utilizzare shampoo che abbiano dei principi attivi in grado di agire sulla cura della cute e che ne mantengano il giusto equilibrio, inoltre devono apportare l’idratazione necessario per proteggerla da prurito, secchezza e nel caso forfora. È consigliabile lavare la testa con uno shampoo idratante, come Head & Shoulders Classic Clean subito dopo aver rasato i capelli. Questo può aggiungere uno scudo protettivo al cuoio capelluto grazie ai principi attivi di cura della cute che agiscono direttamente su prurito, secchezza e potenziale forfora.

  • se si avverte prurito al cuoio capelluto, assicurati di non grattarti con le unghie. Danneggia ancora di più la pelle, andrai a creare più traumi alla cute che è già stata compromessa dalla rasatura.

  • se si è fuori per una passeggiata sotto il sole, è consigliabile utilizzare un cappello o una protezione solare per proteggere il cuoio capelluto dai raggi solari.

  • infine, non dimenticarti di prenderti regolarmente cura della tua cute. Dal momento che i capelli cominceranno a crescere, essa diventerà naturalmente irritata il che porterà ulteriori problematiche se già sei soggetto alla formazione di forfora.

I  principi attivi di Head & Shoulders  aiutano a contrastare gli effetti della presenza di un’irritazione, prevenendo la formazione di forfora, prurito e secchezza.

Quindi, adesso sai come raderti la testa, il tuo nuovo look non dovrà portare nuove complicazioni. Con una corretta routine di cura del cuoio capelluto e una rasatura delicata, prurito, secchezza e una cute esposta non saranno tuoi problemi.